Nome scientifico: Malva sylvestris L.

Nome comune: malva, malva selvatica.

Nome inglese: mallow, blue mallow.

Parti usate: fiori e foglie.

Componenti: Antociani, flavonoidi, tannini, mucillagini, acido ascorbico.

Specie comune nei prati e lungo le strade, nei prati dal piano fino a 1600 m, fiorisce da Maggio fino a fine Agosto. È una delle piante più utili sia per uso interno che esterno; il suo nome deriva dal verbo greco: ammollire.

Proprietà: emolliente, antinfiammatoria e lenitiva.

Consigli d’uso: la malva, per la sua azione emolliente su tutte le mucose, è da sempre utilizzata come blando lassativo sia per bambini che per anziani.

Rientra anche spesso nella formulazione di tisane pettorali facendo parte delle Quattro Specie Bechiche: malva, altea, parietaria, tasso barbasso.

L’uso esterno è in funzione dell’attività antinfiammatoria e astringente, utile nel trattamento delle mucose irritate, gengive sanguinanti, congiuntiviti, per lenire scottature da agenti atmosferici e chimici.

Per una ricerca dell’azione ammorbidente si associa a camomilla, calendula, tiglio, altea e piantaggine.

Per una ricerca dell’azione rinfrescante e disarrossante si associa a rusco, mirtillo, ippocastano ed amamelide.

Curiosità: le foglie cotte condite all’agro di limone, come gli spinaci, agiscono contro la stitichezza.

Il prodotto è aggiunto alla lista dei desideri
Prodotto aggiunto per il confronto.

Per offrirvi il miglior servizio possibile, questo sito web si avvale di cookie di profilazione, anche da parti terze, volti a inviarvi messaggi pubblicitari in linea con le vostre preferenze; chiudendo questo banner, scorrendo la pagina, accedendo a qualsiasi altra sezione di questo sito o cliccando su un elemento qualsiasi di questa pagina, fornirete il vostro consenso all’utilizzo di cookie, tuttavia potrete revocare tale consenso in qualsiasi momento attraverso le impostazioni del Tuo browser, alterando però l'uso del nostro sito. Per consultare la nostra politica sulla Privacy clicca qui.